Cercare
Temi stagionali
27. giugno 2022

Pulizie di primavera: lavaggio delle finestre, cambio della biancheria da letto e pulizia delle veneziane

Ing. Kateřina Jelenová
3 min.
61 lettura
Pulizie di primavera: lavaggio delle finestre, cambio della biancheria da letto e pulizia delle veneziane
La primavera è arrivata a pieno ritmo. Se non siete ancora riusciti ad iniziare con le pulizie di primavera, non avete molto più tempo: è necessario pulire perfettamente la vostra abitazione. Dove cominciare, cosa non dimenticare e come procedere?

Pulizia di primavera generale: procedura e strategie

Vi abbiamo portato le istruzioni per le pulizie di Natale approfondite. Per le pulizie di primavera si procederà in modo analogo.

Si inizia dal soffitto e si scende verso il pavimento. Togliamo le ragnatele, spolveriamo gli armadietti in alto e le porte e puliamo le lampade. Laviamo le tende ed eventualmente puliamo le schermature solari, se necessario. Per le veneziane orizzontali è necessario pulire lamella per lamella, le tende a rullo oppure le tende plissettate si spolverano invece da sole e non è necessario pulirle.

Per le istruzioni su come pulire le veneziane esterne consultare questo articolo.

Controlliamo la pittura, puliamo gli interruttori e laviamo le porte e le maniglie. Possiamo girare i materassi e sostituire i piumoni con le coperte più leggere. Alla fine passiamo l’aspirapolvere e laviamo il pavimento con lo straccio, meglio se sulle ginocchia, se vogliamo veramente pulire tutti gli angoli e fughe.

Pulire le finestre

Non scordatevi di pulire le finestre - anche se l'avete già fatto quest’anno. Attualmente c’è il periodo ricco di pollini e probabilmente le finestre in tutta l’Italia sono piene di macchioline gialle. Se continuerà a far caldo, la fioritura delle conifere potrebbe durare tutto il mese di giugno. Se dovesse piovere, possiamo buttarci nella pulizia delle finestre. In questo articolo potete trovare un articolo dettagliato su come farlo, in breve: puliamo le finestre con la temperatura esterna di 10–20 °C, idealmente con il cielo nuvoloso. Iniziamo con il telaio, dopodiché bagniamo i vetri e togliamo l’acqua con una spatola o aspiratore per finestre. Alla fine lucidiamo con un panno in microfibra.

Bagno e cucina

Questi ambienti richiedono un po’ di lavoro in più: al bagno eliminiamo tutti i sedimenti calcarei, la ruggine e le muffe, utilizzando prodotti specifici.

In cucina puliamo il forno e altri elettrodomestici, facciamo l’ordine nella dispensa e nel frigo e, se possibile, svuotiamo tutti i cassetti e le mensole e provvediamo a pulirli.

Pulizie di primavera del giardino

Alla fine di giugno o all’inizio di luglio tagliamo le siepi composte da cespugli che non perdono foglie.  Vale la regola, che la parte alta dovrebbe essere più stretta rispetto alla base, per cui il taglio deve essere leggermente obliquo.

Alla fine di maggio o dopo la fioritura tagliare gli alberi da frutta. Dopo di che potete arieggiare il prato con un semplice rastrello o con l'arieggiatore.

I residui vegetali possono essere raccolti in un composter, bruciati nel camino o utilizzati per le aiuole al posto della corteccia.

Per caso vi siete dimenticati di controllare la pergola alla fine dell’inverno? Le pergole bioclimatiche richiedono una manutenzione minima, ma è comunque necessario dare un’occhiata se, ad esempio, le foglie e i ramoscelli non sono caduti nei canali di scolo.

Ing. Kateřina Jelenová

Gli ultimi

Temi stagionali
5. agosto 2022

Come raffreddare la casa senza l'aria condizionata

Ing. Jakub Vaněk, Ph.D.
3 min.
61 lettura
Come raffreddare la casa senza l'aria condizionata
Inizia il caldo estivo e se non avete l'aria condizionata, sarà difficile stare a casa. Cosa fare se dovete lavorare da casa, avete bambini malati o non potete passare, per altri motivi, le vostre giornate in una stanza climatizzata, in mezzo alla natura o nell’acqua?
Casa e giardino
4. agosto 2022

Sapete come arieggiare correttamente?

Ing. Jakub Vaněk, Ph.D.
4 min.
61 lettura
Sapete come arieggiare correttamente?
Senza arieggiare non possiamo fare a meno né noi né gli edifici in cui viviamo. Le persone nell’ambiente con la scarsità di ossigeno e l’eccesso di CO2 fanno fatica a pensare, concentrarsi e soffrono di mal di testa. Visto l'accumulo di vapore acqueo, gli edifici hanno la tendenza di sviluppare le muffe al loro interno. Inoltre è necessario eliminare il radon, che si forma attraverso la decomposizione di uranio dal sottosuolo che potrebbe causare il cancro in caso di esposizione prolungata. Con quale frequenza, quando e come cambiare l'aria negli edifici residenziali?