Cercare
Temi stagionali
2. agosto 2022

Lotta con l’emicrania

Ing. Kateřina Jelenová
3 min.
16 lettura
Lotta con l’emicrania
Chi conosce l’emicrania, sa che non è un semplice mal di testa. È accompagnata dall’ipersensibilità alla luce, ai rumori e all’odore, uno dei sintomi frequenti è il malessere e il vomito. Come prevenire gli attacchi emicranici e cosa fare se arrivano?

Emicrania: il ruolo cruciale lo svolge la predisposizione genetica e lo stile di vita

La maggior parte dei soggetti che soffrono di emicrania riesce a capire durante il corso della propria vita quali sono le sue cause scatenanti. Spesso trattasi di stress, cambiamenti del tempo, calo di zuccheri nel sangue durante il digiuno o invece alcuni alimenti irritanti - di solito trattasi di cacao, vino rosso, noci, formaggi stagionati o spezie. L'insorgenza dell’emicrania può anche essere causata dagli ormoni: gli attacchi emicranici appaiono di solito durante l'adolescenza, ossia nel periodo di attività ormonale, nelle donne spariscono dopo il climaterio. Alcune donne registrano l’aumento di attacchi emicranici durante la gravidanza, per altre trattasi invece dell’unico periodo dell’età fertile in cui gli attacchi scompaiono del tutto.

Anche se il sonnellino pomeridiano è di solito benefico, le persone che soffrono di emicrania dovrebbero evitarlo. Uno dei fattori di rischio è il sonno eccessivo, in particolar modo durante il giorno.

Prevenzione dell’emicrania: regime regolare e integratori naturali

Qualche volte l'attacco si presenta tramite la cosiddetta aura - trattasi di percezioni visive insolite, ad esempio scintillio, lampeggio o offuscamento del campo visivo. L’emicrania più comune è quella senza l’aura, in tal caso è possibile scoprire i sintomi: può trattarsi di ansia, tensione muscolare o sonnolenza.

Cosa aiuta a prevenire gli attacchi emicranici?

  • sonno regolare - né troppo né troppo poco
  • assunzione di acqua - almeno 2 litri di acqua al giorno
  • movimento regolare all’aria fresca
  • alimentazione regolare, sana e variegata
  • prevenzione dello stress
  • pensiero positivo e riposo attivo
  • riflessoterapia (massaggi, idroterapia)

È possibile prevenire l’emicrania con l'assunzione di integratori alimentari contenenti magnesio, vitamine del gruppo B, omega-3 degli acidi grassi o olio di enotera. Tra le erbe consigliamo piretro, angelica arcangelica o lavanda (in forma di olio essenziale).

All’emicrania si sopravvive in una stanza ben oscurata

Anche se cercate di fare di tutto per prevenirla, sentite che l’emicrania sta prendendo piede? È importante prendere tempestivamente i farmaci – idealmente antiemicranici, nei casi più leggeri potrebbe bastare acido silicico (aspirina), paracetamolo o antinfiammatori non steroidei come ibuprofene o dioclefanac. Provate se fa per voi. Dopodiché non resta che recarsi in una stanza scura, tranquilla e ventilata (idealmente camera da letto) e provare ad addormentarsi o aspettare che l'attacco passi. Il buio totale nella camera da letto si ottiene tramite le tapparelle esterne – che aiutano non soltanto a riprendersi dall'emicrania ma anche per il sonno giornaliero di qualità. Per chiudere semplicemente e cambiare velocemente la posizione della tenda vanno benissimo anche le tende a rullo giorno e notte.

Ing. Kateřina Jelenová

Gli ultimi

Temi stagionali
5. agosto 2022

Come raffreddare la casa senza l'aria condizionata

Ing. Jakub Vaněk, Ph.D.
3 min.
16 lettura
Come raffreddare la casa senza l'aria condizionata
Inizia il caldo estivo e se non avete l'aria condizionata, sarà difficile stare a casa. Cosa fare se dovete lavorare da casa, avete bambini malati o non potete passare, per altri motivi, le vostre giornate in una stanza climatizzata, in mezzo alla natura o nell’acqua?
Casa e giardino
4. agosto 2022

Sapete come arieggiare correttamente?

Ing. Jakub Vaněk, Ph.D.
4 min.
16 lettura
Sapete come arieggiare correttamente?
Senza arieggiare non possiamo fare a meno né noi né gli edifici in cui viviamo. Le persone nell’ambiente con la scarsità di ossigeno e l’eccesso di CO2 fanno fatica a pensare, concentrarsi e soffrono di mal di testa. Visto l'accumulo di vapore acqueo, gli edifici hanno la tendenza di sviluppare le muffe al loro interno. Inoltre è necessario eliminare il radon, che si forma attraverso la decomposizione di uranio dal sottosuolo che potrebbe causare il cancro in caso di esposizione prolungata. Con quale frequenza, quando e come cambiare l'aria negli edifici residenziali?