Cercare
Casa e giardino
4. agosto 2022

Sapete come arieggiare correttamente?

Ing. Jakub Vaněk, Ph.D.
4 min.
167 lettura
Sapete come arieggiare correttamente?
Senza arieggiare non possiamo fare a meno né noi né gli edifici in cui viviamo. Le persone nell’ambiente con la scarsità di ossigeno e l’eccesso di CO2 fanno fatica a pensare, concentrarsi e soffrono di mal di testa. Visto l'accumulo di vapore acqueo, gli edifici hanno la tendenza di sviluppare le muffe al loro interno. Inoltre è necessario eliminare il radon, che si forma attraverso la decomposizione di uranio dal sottosuolo che potrebbe causare il cancro in caso di esposizione prolungata. Con quale frequenza, quando e come cambiare l'aria negli edifici residenziali?

Più fa freddo, più intensamente è necessario arieggiare

A primavera e durante l'estate fresca potete lasciare aperta la finestra a vasistas tutto il giorno (dovete comunque tener conto del fatto che nell’appartamento entreranno più insetti e polvere). D’inverno cercate di arieggiare aprendo la finestra più possibile - più freddo fa, più breve deve essere il tempo di apertura delle finestre. Si riesce a cambiare l’aria durante 3–5 minuti, senza far raffreddare le pareti. In un secondo la stanza sarà di nuovo calda, a differenza della microventilazione o ventilazione prolungata.

Se fa caldo, lasciate le finestre chiuse durante il giorno per non far entrare l'aria calda all’interno. Arieggiate di notte o la mattina presto, idealmente creando la corrente.

In caso di smog o condizioni di diffusione di aria peggiori non si consiglia di arieggiare, anche se è molto difficile fare a meno dell'aria fresca. Potete provare a arieggiare se sapete che non starete nella stanza per alcune ore. Le particelle dell’aria indesiderate si depositeranno, almeno parzialmente. Se i livelli di sostanze nocive sono veramente alti, è meglio accettare, almeno per il momento, la maggiore umidità e il mal di testa. 

Con che frequenza arieggiare?

Dipende dalla tenuta dei vostri infissi e dal tempo trascorso nella stanza. La stanza in cui dormite dovrebbe essere arieggiata almeno la mattina e la sera. Se passate nella stanza tutta la giornata, arieggiatela anche durante il giorno - se avete infissi con buona tenuta, anche ogni ora. No scordatevi di arieggiare dopo aver cucinato, stirato con vapore o dopo la doccia.

Non asciugate i panni all’interno dell’appartamento - si aumenta troppo l’umidità. Se non avete altre possibilità, cercate di far asciugare i panni vicino alla finestra aperta o arieggiate ogni ora. La soluzione migliore è quella di far asciugare i panni in giardino, sul balcone o nell’apposito locale.

Privacy e sicurezza quando si arieggia

Con le finestre aperte, nell’appartamento può entrare la polvere, il polline e gli insetti, e addirittura anche gli uccelli o altri animali. Se le finestre danno sulla strada, si riduce la privacy e se si lascia la stanza, c’è il rischio di effrazione. Questi rischi possono essere parzialmente ed elegantemente eliminati con l'uso di veneziane da esterno: se si arieggia, prevengono l’ingresso di persone estranee, uccelli e animali e bloccano gli sguardi indesiderati dall'esterno, mentre fanno passare la luce solare. Un livello di sicurezza maggiore è offerto da tapparelle esterne con profili di guida laterali. Le tapparelle esterne hanno due livelli di chiusura - oscuramento totale e parziale, lasciando spazio tra le lamelle per far entrare l'aria.

Se siete infastiditi particolarmente dagli insetti durante l’arieggiamento, provate le zanzariere per le finestre e porte.

Ing. Jakub Vaněk, Ph.D.

Gli ultimi

Il mondo di Isotra
28. novembre 2022

Storia delle veneziane

Ing. Kateřina Jelenová
3 min.
167 lettura
Storia delle veneziane
Le veneziane esistono da più tempo di quanto si possa immaginare: il loro predecessore, grate per finestre chiamate mashrabiyya, aiutavano a proteggere la privacy negli harem orientali. All’inizio del Cinquecento si sono cominciate ad utilizzare, nell’Europa meridionale - in Italia e Francia meridionale – le schermature tramite listelli in legno orizzontali.
Temi stagionali
25. novembre 2022

Godetevi l’Avvento anche senza i mercatini natalizi

Ing. Kateřina Jelenová
3 min-
167 lettura
Godetevi l’Avvento anche senza i mercatini natalizi
Non fatevi annoiare: l’Avvento più essere vissuto a pieno anche a casa o in giardino.